Come pubblicare un racconto fotografico sul web

racconto fotografico - copertina

Hai deciso di pubblicate il tuo primo racconto fotografico
e non sai quale strumento utilizzare?

In questo articolo ti segnalo tre ottimi strumenti per pubblicate il tuo racconto fotografico in modo semplice e coinvolgente

Un racconto fotografico è una serie di foto, eventualmente accompagnate da didascalie, collegate da un filo conduttore, con cui il fotografo racconta una storia. Questo, molto brevemente, è il concetto su cui si sviluppa un racconto fotografico.

Avendo deciso di pubblicare il mio primo racconto fotografico sul web mi sono chiesto se e quali strumenti sono disponibili in rete.

Quello che cerco è uno strumento che mi permetta, in modo semplice e veloce, di creare un racconto fotografico, integrando testo e foto, e che disponga della possibilità di condividere il contenuto sui social network.
Ma soprattutto, lo strumento che cerco, dovrà permettere la facile integrazione con una pagina o articolo del Blog.

Pubblicare il tuo racconto fotografico sul web, ma come?

Effettuando una ricerca con Google, o con un altro strumento di ricerca, troviamo varie soluzioni più o meno complesse. Si va, ad esempio, dall'utilizzo di software professionali come Adobe InDesign, allo stesso Adobe Lightroom, ricompresi nei vari piani di abbonamento Cretive Cloud di Adobe, o dal più semplice Microsoft Publisher ricompreso nell'abbonamento a Office 365.

Ma quello che cerco è uno strumento più semplice e disponibile in rete, qualcosa di simile a Adobe Portfolio di cui ho spiegato l'utilizzo nell'articolo Creare il tuo Portfolio fotografico con Adobe Portfolio.

E proprio i due colossi del software, cioè Adobe e Microsoft, annoverano tra le loro soluzioni quello che mi può servire per realizzare e pubblicare il primo racconto fotografico in modo semplice, condivisibile e di facile integrazione sul web.

Il primo strumento è Adobe Spark con cui possiamo creare e condividere tra tre diversi tipi di contenuti e precisamente i messaggi per i social media, le storie per il web o i video animati.

Il secondo strumento è Microsoft Sway che consente di creare e condividere report interattivi, storie personali, presentazioni e altro ancora.

Oltre ai due strumenti di cui sopra ti segnalo anche un terzo strumento, rivolto esclusivamente ai dispositivi mobili, ma di cui sicuramente sentirai parlare nei prossimi mesi: le Series di Medium.

Pubblica il tuo primo Racconto Fotografico sul web! #fotografia #raccontofotografico Condividi il Tweet

Proseguendo nell'articolo ti illustro l’utilizzo di questi tre strumenti in quanto, per scegliere quale utilizzare, ho provato a creare il mio racconto fotografico con ciascuno di essi.

Adobe Spark

L’utilizzo di Adobe Spark è intuitivo e tutto quello che serve è una storia da raccontare. A rendere bella la tua storia, con impaginazione ed effetti accattivanti, ci pensa Adobe, con la sua indiscussa esperienza nel mondo della grafica, grazie a modelli ed effetti già impostati.

Adobe Spark

 

Adobe Spark è un’applicazione web perciò ti basterà effettuare il login da un qualsiasi browser supportato e potrai accedere a tutti i tuoi progetti sia pubblicati che da finire. Adobe Spark è gratuito e sarà sufficiente accedere con uno dei principali profili social o con il tuo profilo Adobe se ne possiedi già uno.

L'accesso con il tuo profilo Adobe ti permette di poter accedere direttamente ai servizi di archiviazione della Creative Cloud o di Lightroom Mobile così da poter inserire le tue grafiche o foto già disponibili senza effettuare nessun upload. Se non disponi di un profilo Adobe potrai caricare i tuoi contenuti grafici, oltre che dal tuo computer, anche dai servizi Cloud di Dropbox e Google Photos.

Iniziamo con vedere l’interfaccia dell’applicazione

Inizia con puntare il browser alla pagina iniziale di Adobe Spark dove potrai reperire informazioni su questa applicazione e alcuni esempi di come utilizzarla. Nel menu troverai i link che rimandano al Blog dedicato e a molti altri contenuti resi disponibili da Adobe per imparare a utilizzare Spark.

In alto a destra sono disponibili i pulsanti di Log in o Start now for free per effettuare il primo accesso. Essendo la prima volta che accedi a Adobe Spark seleziona il secondo pulsante e, dalla finestra che compare, scegli il metodo di iscrizione che preferisci. Come sopra detto, oltre ai più noti Social, potrai utilizzare anche il tuo utente Adobe per disporre dell'integrazione con i servizi della Creative Cloud.Adobe Spark - Log in

Completata la procedura di registrazione, ed effettuato il Log in, avrai accesso alla pagina iniziale di Adobe Spark in cui poter iniziare a creare i tuoi contenuti.

Adobe Spark - Pagina iniziale

Inizia premendo il grosso pulsante giallo + e accederai alla pagina di scelta tra i tre tipi di contenuti disponibili:

  • Post – per creare una grafica, composta da immagini e testo, da utilizzare, ad esempio, sui social media;
  • Page – per creare dei veri e propri contenuti, come ad esempio le storie, sviluppati su più pagine, amalgamando immagini e testo;
  • Video – per trasformare in video immagini e testi in sequenza e con animazioni;

Adobe Spark - Post Page Video

Questi sono i tre contenuti disponibili in Adobe Spark che potrai modificare a tuo piacimento e, una volta ultimati, condividere facilmente tramite il pulsante Share oppure inserire in una pagina, come ad esempio in un blog, grazie al codice Embed disponibile.Adobe Spark - Gli strumenti

Non mi dilungo oltre nella descrizione sull'utilizzo di ciascun comando in quanto Adobe ha fatto un ottimo lavoro per rendere, il tutto, molto semplice e intuitivo. Comunque se hai qualche problema non esitare a contattarmi o a scrivere nei commenti.

Quanto segue è il risultato che ho ottenuto con Adobe Spark.

(ri)scoprire luoghi

Adobe Spark per realizzare il tuo racconto fotografico #raccontofotografico #spark @AdobeSpark Condividi il Tweet

Microsoft Sway

Con Microsoft Sway è sufficiente aggiungere testo e immagini e Sway farà il resto. Con Sway abbiamo a disposizione modelli predefiniti, o personalizzabili, con cui creare presentazioni, anche se non si ha competenze di progettazione, con un risultato moderno, interattivo e accattivante.

Microsoft Sway

Microsof Sway è un’applicazione web ed è disponibile anche l’applicazione per Windows 10.

Microsoft Sway è disponibile gratuitamente per chiunque abbia un account Microsoft, come Hotmail, Live o Outlook.com. Accedendo a Microsoft Sway con l'utente di un abbonamento a Office 365 abbiamo a disposizione uno strumento con maggiori funzionalità e contenuti aggiuntivi.

Iniziamo con accedere alla pagina iniziale indirizzando il browser alla pagina Microsoft Sway. Anche in questo caso, nella pagina principale, troverai informazioni sull'utilizzo di questo strumento, esempi e altro materiale utile per apprenderne l’utilizzo.

Microsoft Sway - Inizia

Nella pagina principale è disponibile il pulsante verde con la scritta Inizia, cliccaci e dalla finestra che compare inserisci la tua email con cui sei registrato ai servizi Microsoft oppure il tuo utente di Office 365. Considera che se accedi con un account aziendale, a seguito della sottoscrizione di Office 365, avrai a disposizione caratteristiche superiori, maggior controllo della privacy, integrazione con il pacchetto Office 365 e altre funzionalità che con il normale account Microsoft non sono disponibili.

Effettuato il Log in accederai alla prima pagina di Microsoft Sway dove sono elencati i tuoi sway, alcuni modelli da cui iniziare, la galleria per trarre ispirazione, altre informazioni sull'utilizzo e le impostazioni raggiungibili dal menu.

Microsoft Sway - Prima pagina

Con Microsoft Sway avrai un unico tipo di documento ma con molte più possibilità di personalizzazione rispetto al procedente strumento, anche utilizzando dei veri e propri preset, oltre alle maggiori possibilità di gestire la privacy e la gestione dei permessi per chi può visualizzare il contenuto del tuo sway.

Microsoft Sway - Editor sequenza

Non mi dilungo sull'utilizzo di ciascun strumento disponibile in Sway in quanto, anche Microsoft, ha fatto un ottimo lavoro per rendere l’utilizzo semplice e immediato. Se hai qualche problema non esitare a contattarmi o a scrivere nei commenti.

Quanto segue è il risultato che ho ottenuto con Microsoft Sway.

Microsoft Sway per realizzare il tuo racconto fotografico #raccontofotografico #microsoft #sway Condividi il Tweet


Le Series di Medium

Medium è un social nato per condividere delle storie e se mi segui sai già che lo utilizzo per scrivere storie prevalentemente su altri argomenti rispetto a quelli oggetto di questo Blog. Ho inserito anche Medium in questo articolo perché, da poche settimane, ha introdotto le Series. Un nuovo modo di raccontare delle storie, in modo seriale, più coinvolgente per il lettore e in linea con le tendenze attuali che privilegiano le soluzioni mobili a quelle desktop.

Le Series di Medium, a differenza delle Stories di Instagram o Snapchat, permettono aggiornamenti continui anche dopo la pubblicazione, come in un racconto continuo, implementando inoltre la notifica per avvisare i lettori l’aggiunta di nuovi contenuti.

Anche se le Series di Medium sono destinate esclusivamente ai dispositivi mobili le potrai creare semplicemente dal tuo browser. Sicuramente sono uno strumento molto più minimale, rispetto a Adobe Spark e Microsoft Sway, ma potrebbero rilevarsi interessanti in abbinamento proprio a quest’ultime per avere un maggior riscontro con gli utenti dei device mobili.

Medium Series - Editor Series
Ti consiglio di leggere l’articolo dal titolo Le Series di Medium che ho scritto al suo lancio oppure visualizzare la Series (ri)scoprire luoghi che ho realizzato accedendo da un dispositivo mobile.

Series Medium per realizzare il tuo racconto fotografico #fotografia #raccontofotografico… Condividi il Tweet

View story at Medium.com

Conclusioni

In questo articolo ti ho presentato due ottime soluzioni per creare dei racconti fotografici. Sia Adobe Spark che Microsoft Sway hanno caratteristiche specifiche che le rendono differenti e pertanto ciascuna preferibile in base all'ambito di utilizzo. La soluzione di Microsoft è sicuramente più indicata in ambito professionale, disponendo di maggiori controlli sulla privacy e su chi può visualizzare il contenuto. Mentre la soluzione di Adobe è sicuramente più indicata per creare contenuti da condividere sui social così da integrare, tramite codice Embed, anche all'interno di un Portfolio realizzato con Adobe Portfolio.

Anche se Adobe Spark e Microsoft Sway sono pienamente compatibili con la visualizzazione sui dispositivi mobili ho voluto segnalarti le Series di Medium, destinate esclusivamente alla visione con l’applicazione mobile, perché potrebbero rilevarsi utili per raggiungere gli utenti di questi dispositivi.

A questo punto non ti resta che testare i tre servizi, così come ho fatto io, e scegliere quello più adatto alle tue esigenze. Lasciami un commento quale dei tre preferisci oppure se hai altri servizi da segnalare.


//